Pages Navigation Menu

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Mobilità: intervista al vice presidente dell’Anmic di Parma

Mobilità: intervista al vice presidente dell’Anmic di Parma

IvanoGardelli-300x224Abbiamo incontrato Ivano Gardelli, vice presidente Anmic Parma e presidente Anmic Emilia Romagna, per parlare di mobilità delle persone con disabilità.

A quindici mesi dall’attivazione del servizio Pellicano in convenzione con la Pubblica Assistenza dal gennaio del 2012, in sostituzione del servizio Pollicino che era invece affidato a Tep, qual’è la situazione?

Se i costi del servizio in campo all’Amministrazione comunale sono senza dubbio sensibilmente diminuiti con il passaggio da Tep a Pubblica Assistenza, sono anche sorte alcune problematiche, in parte lievi, forse inevitabili e per loro stessa natura risolvibili, in parte invece di grande rilevanza.
Per quanto riguarda la “qualità” delle prestazioni è ovvio che per gli operatori della P.A., in gran parte volontari, è stato necessario un periodo di inevitabile “rodaggio” durante il quale l’esperienza nel contatto con gli assistiti è servita ad affinare il servizio per superare le carenze legate al cambio di competenze e alla turnazione degli operatori. Dopo quindici mesi possiamo dire che l’applicazione e l’abnegazione dei volontari sta riportando gradualmente il servizio al livello degli standard precedenti, in taluni casi anche superandolo.
Una problematica invece senza soluzione è quella della mobilità alla domenica. Se è vero che la domenica non ci sono normalmente esigenze legate allo svolgimento di borse lavoro o a spostamenti per sostenere visite mediche o trattamenti sanitari, è pur vero che anche le attività legate al tempo libero, alla pratica sportiva, all’approfondimento culturale e qualsiasi altra tipologia di impegno che favorisca l’integrazione sono parimenti importanti per il disabile e il suo desiderio di sentirsi parte integrante nella società. Non poter usufruire del servizio alla domenica, nei giorni festivi e nel mese di agosto è fortemente limitante per i disabili, soprattutto nel nostro territorio dove il trasporto pubblico non garantisce la mobilità dei disabili.

Si sta lavorando anche al nuovo regolamento che disciplina l’accesso al servizio, quali sono le prospettive?

Oltre al nuovo regolamento si sta anche lavorando al rinnovo della convenzione con la P.A. Quello che preoccupa è che in pieno accordo con i tagli generalizzati al welfare, si attui un regolamento più restrittivo per l’accesso al servizio e a costi più elevati per le fasce di reddito di riferimento. Per ora la cosa assodata sembra essere la prosecuzione del servizio visto che si sta eleborando il regolamento, ma personalmente, nel contesto attuale, non si può dare per scontato nemmeno questo.

L’Anmic cosa può fare per migliorare la mobilità degli invalidi?

Innanzitutto l’associazione è rappresentata nella Commissione che valuta la sussistenza delle caratteristiche richieste per l’accesso al servizio, insieme all’Asl, la P.A. E l’Agenzia Disabili del Comune, e farà di tutto perchè il servizio sia fruibile dalle persone che ne hanno effettivamente bosogno. E’ necessaria una attenta valutazione caso per caso per evitare abusi che gravino sulle risorse a disposizione.

L’Anmic ha poi recentemente ottenuto in comodato gratuito un pulmino attrezzato per il trasporto disabili. In questi giorni stiamo studiando le modalità migliori per attivare un servizio alternativo per i nostri iscritti. Stiamo valutando le soluzioni più efficenti per rispondere al meglio alle esigenze dei nostri iscritti e fare, pur in modo contenuto, la nostra parte.

Quello che mi preme però sottolineare è che non si può pensare che l’Associazionismo e il volontariato si sostituiscano alla Istituzioni preposte nell’erogazione di servizi che sono indispensabili sia negli aspetti più particolari della vita quotidiana, sia per realizzare al meglio l’integrazione dei disabili nella società.

Comune di Parma: rinnovata convenzione con P.A. per il trasporto disabili

E’ stata approvata dalla Giunta municipale la convenzione con l’Assistenza Pubblica per le attività di trasporto dedicato a persone con disabilità. Questo tipo di trasporto è volto ad offrire un valido strumento per chi non è in grado di servirsi dei mezzi pubblici con lo scopo di favorire l’indipendenza degli utenti. Il servizio è rivolto a persone con disabilità, residenti o aventi stabile dimora nell’ambito del territorio del Comune di Parma. Esso è garantito dal lunedì al sabato. Il numero medio di utenti lo scorso anno è stato pari a 910 unità. Nel 2012 sono stati svolti ben 16 mila viaggi. “Anche se il servizio di Trasporto per le persone con disabilità non è definito dalla normativa un servizio essenziale – precisa l’assessore al welfare Laura Rossi -, l’Amministrazione comunale ritiene che esso rappresenti nella realtà uno strumento indispensabile per garantire autonomia, dignità e possibilità di vita autonoma ed indipendente.

Si ritiene quindi fondamentale proseguire la collaborazione con la Pubblica Assistenza che dispone di mezzi e volontari sufficienti per poter assicurare l’assolvimento delle numerosissime richieste”.

Molte persone infatti attivano il servizio per i trasporti al lavoro, a visite mediche, alle terapie. La Pubblica Assistenza mette a disposizione più mezzi attrezzati nelle fasce d’orario più richieste e riesce a garantire circa 16.000 trasporti annui. “La collaborazione con la Pubblica Assistenza – spiega l’assessore Laura Rossi – vuole rimarcare il grande valore aggiunto apportato dal volontariato nella valorizzazione delle relazioni interpersonali e per l’affermazione della persona, superando i limiti di una visione economicistica dello sviluppo. I singoli volontari, infatti non solo svolgono il compito di accompagnatori sui mezzi ma curano la relazione con la persona e se necessario accompagnano fino all’ingresso dell’abitazione”. Il Comune ha, quindi, stipulato una nuova convenzione con l’Assistenza Pubblica, riconoscendo i costi vivi, mentre la Struttura Operativa Disabili mantiene una funzione di controllo e monitoraggio sull’espletamento della gestione del trasporto e sul grado di soddisfazione che gli utenti manifestano. L’accompagnamento può essere può essere usufruito da persone con diverse tipologie di disabilità (non solo motorie) ed offre un servizio di accompagnamento dall’abitazione al luogo di destinazione con particolare attenzione agli spostamenti per lavoro, visite mediche, terapie. L’obiettivo è quello di garantire un servizio ad hoc all’interno di un sistema integrato di trasporto cittadino nel tempo libero. Il trasporto viene svolto dal lunedì al sabato con esclusione delle domeniche e festivi , sarà interrotto nel mesi di agosto dal 5 al 18 . Il servizio è rivolto ai cittadini residenti, domiciliati o aventi stabile dimora nel Comune di Parma, non in grado di servirsi degli ordinari mezzi pubblici, con le seguenti caratteristiche: Cittadini di età fino ai 65 anni con invalidità civile al 100%; persone non vedenti di età fino ai 65 anni per i quali deve essere riconosciuta almeno la cecità parziale; persone che hanno compiuto 65 anni con invalidità civile al 100% con difficoltà motoria che si recano a terapie, cure e visite mediche dal lunedì al venerdì; Persone che hanno compiuto 65 anni, con invalidità civile al 100% con difficoltà motoria, per esigenze personali e tempo libero solo al sabato, festivi.

Leave a Comment

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) - Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) - Maggiori informazioni/More Info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close