Pages Navigation Menu

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Musica accessibile con il progetto Figurenotes al Cepdi di Parma. Video

Musica accessibile con il progetto Figurenotes al Cepdi di Parma. Video

27.02.2013 – Presso la biblioteca del Cepdi, Centro Provinciale di Documentazione per l’Integrazione scolastica, lavorativa e sociale, si è tenuto il seminario conclusivo del progetto “Imparare a Suonare con Figurenotes – Innovazione e prospettive educative per persone con bisogni educativi speciali”, mirato all’accessibilità della pratica musicale attraverso l’innovativo progetto di notazione musicale ideato in Finlandia.
Il progetto, “importato” in Italia grazie alla professoressa Gabriella Ferrari, coordinatrice nazionale, è arrivato a Parma nel maggio scorso grazie al Cepdi e al contributo della Fondazione Cariparma, per rendere la pratica musicale accessibile a chi ha difficoltà a leggere la notazione tradizionale sul pentagramma, che richiede tempi lunghi di studio e apprendimento. Con il metodo Figurenotes si può imparare in brevissimo tempo a suonare, senza conoscenze teoriche o pratiche.

Figurenotes traduce la notazione tradizionale delle note con simboli di differente forma e colore: per suonare basta riprodurre le sequenze corrette seguendo le indicazioni dei simboli sullo strumento musicale. Dopo aver appreso il metodo, se lo si desidera, si può facilmente passare alla notazione tradizionale.

“La musica è uno strumento importante di integrazione non è un aspetto superfluo – spiega Gabriella Ferrari, docente in un istituto musicale di Trento -. Mettendo le persone con bisogni educativi speciali nella condizione di suonare le canzoni che sentono alla radio, magari in un contesto di gruppo, permette loro di sentirsi realizzati e diventa un aspetto essenziale della loro integrazione”.

In Emilia Romagna il progetto è coordinato dal professor Michele Russano: “Da maggio scorso abbiamo tenuto un corso per insegnanti, insegnanti di sostegno ed educatori a Parma, presso il Cepdi. Stiamo cercando di aprire questa esperienza a più persone possibili, già siamo riusciti a coinvolgere circa 50 ragazzi”.

“Come Cepdi siamo stati molto contenti di attivare questa iniziativa – spiega il presidente del Cepdi Amadei – realizzata grazie al contributo indispensabile della Fondazione Cariparma. Questo progetto utilizza la musica come uno straordinario strumento di integrazione, ci ha fatto piacere realizzarlo per la prima volta a Parma, sia come attività di formazione sia come esperienze dirette per i disabili. Speriamo di poter continuare”.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Leave a Comment

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) - Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) - Maggiori informazioni/More Info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close